Sciopero lavoratori Cooperativa Ecoservice: la UIL FPL chiede più sicurezza, retribuzioni corrette e applicazione del CCNL

Stamani circa 40 lavoratori con l’appoggio di delegate e delegati della UIL FPL Toscana si sono presentati ai cancelli di Alia Spa per chiedere la dovuta attenzione e vigilanza sul rispetto delle condizioni di sicurezza dei mezzi in dotazione, di inquadramenti corretti e conseguentemente corrette retribuzioni ed inoltre per la corretta applicazione del Contratto di lavoro delle Cooperative sociali. Al presidio ha partecipato un componente della Segreteria Nazionale della UIL Trasporti ed alcuni delegati della Rsu UIL Trasporti che hanno svolto un encomiabile lavoro di raccordo fra questa Categoria e la massima espressione della dirigenza Alia.

Il presidio, composto ma deciso, dei lavoratori ha visto la gradita visita di candidati al Consiglio Comunale di Firenze quali Jacopo Bianchi e Mirko Ruffilli. Entrambi si sono informati ed hanno parlato con i lavoratori. Ruffilli ha immediatamente contattato gli uffici del Comune di Firenze per sollecitare un incontro dei Dirigenti Alia con i lavoratori e la loro sigla sindacale.Alia ha preso formale impegno di incontrare fra pochi giorni la UIL FPL con una delegazione di lavoratori alla presenza dell’Amministratore Delegato della Società per ascoltare le legittime ragioni che hanno portato a questo sciopero.

Noi attendiamo la convocazione perché chiederemo di vigilare sul sistema degli appalti, delle regolarità retributive e degli inquadramenti del personale, ma soprattutto perché venga svolta una vera e propria verifica sulla sicurezza dei mezzi e dei lavoratori che li guidano.

Alia ha la forza ed il compito di vigilare sugli appalti e di far correggere eventuali distorsioni che derivino dalla sicurezza sul lavoro e dalle applicazioni contrattuali. Noi, e la forza dei lavoratori con noi, non cederemo di un millimetro sulle tematiche della sicurezza, dell’applicazione del corretto Contratto Nazionale, sulle condizioni di lavoro. Se tale convocazione non dovesse giungere, con chiarezza e seguendo le leggi che regolamentano il diritto di sciopero, non avremo titubanze a richiamare i lavoratori in lotta. Dignità, Sicurezza, Retribuzioni nel 2019 non dovrebbero essere argomenti da dover sollecitare la mobilitazione dei lavoratori. Segno che il Sindacato del fare ha ancora molto da dover esigere.

Ringraziamo i Lavoratori per l’adesione e la partecipazione, Alia per la disponibilità dimostrata e i candidati al Consiglio Comunale che si sono impegnati.

Beatrice Stanzai e Alessandro Bottai UIL FPL Toscana

Firenze, 2 maggio 2019

Hosted by WEB PRATO