Opportuna e tempestiva la decisione del Presidente Rossi di riunire immediatamente il Sindacato Confederale della sanità

Il Segretario Regionale della FPL (il Sindacato UIL della Sanità) Mario Renzi ha espresso oggi pomeriggio la soddisfazione della propria Organizzazione per la tempestività con la quale il Presidente della Regione Enrico Rossi ha inteso corrispondere positivamente alle pressanti richieste di convocazione da ieri avanzate da CGIL, CISL e UIL regionali della Categoria

Le tre Organizzazioni Sindacali lamentavano la totale assenza di informazioni e relazioni con l’Assessore alla Sanità della Regione Toscana che a detta del Segretario Renzi durante tutta la crisi emergenziale è apparsa molto più preoccupata nell’apparire sui mezzi di informazione allo scopo di dare l’impressione che nei confronti del personale si sta facendo qualcosa di rilevante e degno di nota, piuttosto che mostrarsi capace di comunicare con i lavoratori del SSR e con chi COSTITUZIONALMENTE li rappresenta ed è l’unico soggetto abilitato a farlo. Afferma Renzi: “In questo momento per noi è fondamentale che l’Assessore si preoccupi di farci avere le notizie e le informazioni di cui abbiamo bisogno per tranquillizzare, rassicurare e sostenere chi in questo momento opera in prima linea; che comprenda in maniera lucida che la catena di comando e di relazioni che possiede è talmente lunga e complessa da rendere praticamente impossibile che qualcuno che non è il soggetto quotidianamente impegnato a farlo, possa rappresentarle le vere difficoltà ed i problemi reali che incontra chi è direttamente chiamato a gestire l’emergenza”.

Ha poi proseguito: “Insomma, in questo momento alla guida della Sanità toscana ci servirebbe qualcuno in grado di assicurare una effettiva leadership e non abbiamo bisogno di nessun taglianastri! Per tutte queste ragioni la convocazione dei tre Segretari Regionali di CGIL, CISL e UIL per domattina in videoconferenza con il Presidente Rossi è la notizia che aspettavamo”.

La UIL FPL ha poi espresso assoluta fiducia nell’esito dell’incontro di domattina con il Presidente Rossi, ritenendo che possano emergere tutti gli elementi utili ad affrontare le questioni più spinose che in queste ore stanno mettendo a dura prova la tenuta del Sistema Sanitario della nostra Regione: dalla disponibilità dei dispositivi di protezione (mascherine, visiere, tute, ecc.) per il personale direttamente esposto, alla strategia di screening diagnostico degli operatori a rischio che occorre implementare al più presto; dalla situazione di protezione della sicurezza degli operatori e degli ospiti delle residenze per anziani, alla necessità di fornire a tutto il personale dei servizi assistenziali informazioni, indicazioni e procedure chiare ed affidabili in un momento così delicato.

Firenze, 22 marzo 2020

Hosted by WEB PRATO