normativa sulle cave, le richieste dei segretari generali toscani Cgil (Dalida Angelini) e Uil (Annalisa Nocentini) al sistema politico-istituzionale e alle parti datoriali

Clausola sociale, Fondo di ammortizzatori sociali, trasformazione dell’escavato in loco, salvaguardia ambientale, sicurezza sul lavoro

La normativa e l’azione nei confronti delle autorizzazioni e dell’attività delle cave – con particolare riferimento per quelle del distretto apuo-versiliese – devono essere improntate alla salvaguardia ambientale, la sicurezza e certezza del lavoro e la redistribuzione nei territori della ricchezza prodotta.
Le proposte della Regione Toscana vanno nella giusta direzione, riprendendo sollecitazioni e proposte delle Organizzazioni Sindacali.
Il contingentamento del materiale escavato, lo stabilire un rapporto tra quantità e dipendenti addetti, il fissare un coefficiente di resa sono criteri utili e condivisibili che debbono essere accompagnati dalla costituzione di un Fondo che funzioni da ammortizzatore sociale nei casi di sospensioni o revoche delle autorizzazioni, finanziato dal sistema delle imprese, dalle amministrazioni locali che hanno visto incrementare la tassa sul marmo e dalla Regione Toscana. Un Fondo che si affianchi ad una clausola sociale che tuteli i lavoratori sia a fronte del passaggio di società ed imprese come datori di lavoro, sia come impegno al riassorbimento delle eventuali messe in mobilità o licenziamenti da parte delle aziende del sistema, in modo da non disperdere le professionalità presenti sul territorio. Ribadiamo che la risposta dei soggetti istituzionali ed amministrativi deve svolgersi entro i termini tassativi stabiliti dalla Regione Toscana, nessun ritardo deve scaricarsi sui lavoratori e le lavoratrici.
Questi punti, assieme alla necessità di garantire la trasformazione di una significativa e ben maggiore rispetto ad adesso quota di escavato in loco e di applicazione della responsabilità delle aziende a fronte della sicurezza dei lavoratori e della salvaguardia dei territori dove le cave insistono, costituiscono le richieste che Cgil e Uil Toscana rivolgono al sistema politico-istituzionale ed alle parti datoriali.

Firmato: Dalida Angelini (segretario generale Cgil Toscana) e Annalisa Nocentini (segretario generale Uil Toscana)

Firenze, 7 dicembre 2018

Hosted by WEB PRATO