Crollo ponte di Albiano, Panzieri (Uiltrasporti): “Ora un grande piano di investimenti pubblici”

Sembra assurdo ma oggi dobbiamo “ringraziare” il Covid-19 se non siamo di fronte ad un’altra tragedia che poteva essere pesantissima in termini di vite umane. Oltre alle dichiarazioni di circostanza, che come sempre non mancheranno, è d’obbligo una riflessione, non certo nuova, soprattutto ora che in molti devono (dovrebbero) immaginarsi un nuovo inizio per far ripartire il Paese quando l’emergenza sanitaria sarà rientrata.

Non servono grandi pensatori, non c’è bisogno di azzeccagarbugli né di astronavi per Marte. C’è invece bisogno di un urgente e capillare piano di manutenzione straordinaria per mettere in sicurezza le nostre infrastrutture, creando così posti di lavoro fondamentali nella fase di crisi che ci troveremo a gestire nei prossimi mesi. Tra l’altro va sottolineato come il sindacato non sia estraneo a questa sollecitazione, visto che in tantissime occasioni, sia a livello nazionale sia a livello locale, si è fatto portavoce di queste istanze.

Non sarà facile far ripartire il Paese. Serviranno pazienza, impegno e confronto leale tra le parti, in cui il sindacato svolgerà sicuramente la sua parte. Ma il cammino è chiaro: ci vogliono risorse – impiegate in modo trasparente – da destinare a un grande piano di opere pubbliche. Il resto sono chiacchiere, come ci ha ricordato il boato del ponte collassato nel silenzio della quarantena.

Michele Panzieri
Segretario Generale Uiltrasporti Toscana

Firenze, 9 aprile 2020

Hosted by WEB PRATO