Coronavirus, le sedi Ital aperte a partire da lunedì 23 marzo. Restano chiusi gli uffici Caf

Facendo seguito alle precedenti comunicazioni riportanti le misure di prevenzione predisposte dalla Uil Regionale, da Ital Regionale e Caf Uil Toscana, permanendo la condizione  di emergenza legata alla diffusione del Corona Virus/Covid 19, si comunicano le nuove  disposizioni per  le aperture degli sportelli dei servizi Uil Toscana a far data da lunedì 23 marzo 2020.

PATRONATO ITAL
Restano aperte le sole sedi indicate nella precedente circolare Uil Toscana del 10 marzo u.s. in questi giorni oggetto di operazione di sanificazione ovvero:

  • Firenze Corcos
  • Livorno
  • Arezzo
  • Siena
  • Pisa
  • Piombino
  • Grosseto
  • Carrara
  • Pontedera
  • Pistoia
  • Prato
  • Lucca

La pubblicazione in G.U. del D.L. n. 18 del 17.3.2020 e i chiarimenti ottenuti dalla Direzione Ital Nazionale ci consentono di organizzare il lavoro svolto ai  nostri sportelli di Patronato con le seguenti modalità  dalle sedi operative:

  • continuare ad espletare il servizio prevalentemente attraverso modalità telematiche (mandato + informativa Ital) chiedendo all’utenza l’invio del proprio codice fiscale e documento di identità. Lo stesso mandato, come previsto dall’informativa Ital, dovrà essere consegnato in originale ai nostri uffici alla fine dell’emergenza sanitaria;
  • solo  l’utenza che non potrà inviare la documentazione necessaria per  autorizzare l’operatore all’invio delle istanze attraverso i propri mezzi, potrà richiedere  un appuntamento all’operatore attraverso i  canali di  posta elettronica o attraverso la linea telefonica dell’ufficio;
  • la normativa consente dalla data di entrata in vigore del Decreto Legge (17/3/2020)di ridurre gli orari degli uffici, senza incorrere nella carenza come previsto dall’art. 9 del DM 193/2008,a condizione  che venga comunicata alla sede dell’ispettorato del lavoro  la comunicazione della modalità di organizzazione del lavoro ai sensi dell’art.36 del D.L. 18 del 17/3/2020.

CAF UIL

  • Essendo tutti impegnati ad attuare linee procedurali e comportamentali atte al contrasto della diffusione del contagio legato al coronavirus/Covid 19;
  • Sottolineato che l’obiettivo prioritario è la tutela delle persone (personale – utenti);
  • Dato il perdurare della situazione di emergenza, al fine di preservare l’esposizione degli operatori da eventuali rischi di contagio,
  • Tenuto conto che l’attività dei CAF non rientra tra i servizi essenziali disciplinati dal DPCM 11 marzo 2020

si dispone la proroga della chiusura di tutti gli uffici, compresi quelli oggetto di sanificazione fino a data da destinarsi.

Seguiranno ulteriori nuove disposizione in merito.

Il Segretario Organizzativo
Arturo Papini

Il Presidente Caf Uil Regione Toscana
Ernesto D’Anna

Il segretario Generale
Annalisa Nocentini

Firenze, 19 marzo 2020

Hosted by WEB PRATO