ITAL

 

IMG_9200

L’Ital dal 1952 svolge gratuitamente un servizio di pubblica utilità a favore di lavoratori dipendenti e autonomi, di pensionati, di singoli cittadini italiani anche se residenti all’estero, di cittadini stranieri.

 

I nostri servizi I NOSTRI SERVIZI

Ci occupiamo da oltre 50 anni di Previdenza, mercato del lavoro, salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, diritto di famiglia.

 

 

Dove siamo

DOVE SIAMO

Tutte le nostre sedi in Toscana. Scopri quale è la sede Ital più vicina a te e vieni a trovarci! Risponderemo alle tue domande
 
 

Documenti e Moduli DOCUMENTI E MODULI

Qui puoi caricare la modulistica ed i documenti di ITAL

Seguici anche sui social

Visita la nostra pagina FacebookVisita il nostro profilo Twitter

 

 

La nostra storia e i nostri obiettivi

Dal 1952 l’Ital è il patronato della Uil, che si occupa di tutti i problemi relativi ad ogni categoria sociale: maternità, vecchiaia, disabilità, rapporti con la burocrazia, esclusione sociale, inclusione dei lavoratori extracomunitari e delle loro famiglie.

A chi si rivolge a noi, offriamo assistenza e risposte concrete in materia di:

  • sicurezza sociale
  • previdenza, risparmio previdenziale e fisco
  • lavoro e mercato del lavoro
  • salute e sicurezza sui luoghi di lavoro
  • diritto di famiglia e delle successioni

Stessa attenzione mettiamo agli italiani all’estero: in questi anni l’Ital li ha sostenuti nella difesa dei loro diritti previdenziali e aiutandoli a mantenere e addirittura a rafforzare il legame con il nostro Paese. Nel perseguire l’obiettivo della valorizzazione delle comunità italiane all’estero, l’Ital si è configurato anche come elemento di supporto con Consolati e Ambasciate.

Il ruolo di pubblica utilità svolto dal Patronato dei Cittadini in questi anni è innegabile. Tanto è vero che la Corte Costituzionale non ha ritenuto ammissibile il referendum che chiedeva l’abrogazione dei Patronati. L’alta funzione sociale dei patronati nello svolgimento di attività di interesse generale è infatti individuata dalla Costituzione, all’articolo 38, ed è stata riaffermata nella sentenza n. 42 del febbraio 2000.