70 distributori di acqua gratuita per i lavoratori a Careggi, finalmente la Uil Fpl vince la sua battaglia

Entro due mesi saranno piazzati nei reparti. Intanto nel reparto di maternità saranno assunte 14 nuove ostetriche come chiesto da tempo dai sindacati

Due anni fa la Uil Fpl a Careggi iniziava una battaglia per la distribuzione di acqua gratuita ai lavoratori. Una battaglia per ripristinare le regole minime di convivenza visto che i lavoratori fino ad allora dovevano portarsi le bottiglie da casa o comprare le bottigliette da 50 cl per 0,70 euro nei distributori dislocati in giro per l’ospedale. Dopo una serie di incontri, che spesso si sono trasformati in veri e propri scontri, con la direzione amministrativa, pochi giorni fa finalmente la decisione che abbiamo atteso al lungo: entro un paio di mesi verranno piazzati 70 nuovi distributori nei reparti a disposizione dei lavoratori in servizio.

Ma non è l’unica novità. Per quanto riguarda la situazione delle ostetriche, a febbraio, insieme ad altre sigle sindacali, abbiamo tenuto più incontri nel comparto materno infantile per affrontare il disagio lavorativo degli operatori in quello specifico reparto dell’ospedale. La nostra insistenza ha dato i suoi frutti: la direzione di Careggi si è infatti impegnata formalmente ad accogliere in organico 14 nuove ostetriche, fra tempo determinato e interinale. Questo ovviamente non basta. Come Uil Fpl abbiamo chiesto che si proceda a nuove assunzioni anche in previsione delle ferie estive, e grazie all’impegno della Uil – nonostante qualcuno abbia cercato di allungare i tempi – sono già partite le lettere per i nuovi ingressi. Lo stesso percorso si sta avviando per l’assunzione di 12 infermieri, mentre per gli Oss si procederà a stabilizzare i presenti.

Come Uil Fpl siamo soddisfatti per l’impegno della nuova direzione teso a riportare un clima lavorativo disteso e costruttivo dentro Careggi. Solo ripartendo da qui tutti i i professionisti di Careggi potranno finalmente ritrovare quel senso di appartenenza al luogo di lavoro che da troppo tempo manca.

Firenze, 13 aprile 2018